problemi sociali

Giovedì 20 dicembre presso l’ Ex Consorzio di Anguillara Sabazia si è tenuta la presentazione del progetto “ZITTO?NO! Edance Method per il sociale”.

Edance Method insieme al Vice Sindaco e Assessore alle Politiche Sociali e di Genere Sara Galea, con il patrocinio dal comune di Anguillara Sabazia, hanno illustrato questo progetto ideato per i giovani e creato con loro.

Il progetto è supportato e coadiuvato dalla Palestra Be First.

L’evento, unito al saggio di Natale degli allievi dell’Edance Method, ha dato modo ai ragazzi e alle famiglie di iniziare ad assaporare l’entusiasmante percorso che permetterà di affrontare tutti insiemi problemi sociali attuali e importanti.

Dopo l’intervento dell’ Assessore Sara Galea, ho illustrato in maniera specifica i vari problemi sociali che affronteremo: il potere alienante dei telefoni, il bullismo, la violenza sulle donne e la famiglia di oggi.

Ogni problema sociale verrà presentato dai ragazzi stessi con una coreografia a tema che si concluderà ogni volta con un flash mob in Piazza del Molo.

Durante questo evento chiunque sentisse di voler far parte di questo “movimento di denuncia e trasformazione” potrà partecipare ( verranno messi a disposizione i video tutorial dei passi!)!

“Denuncia” e “trasformazione: sono queste le parole chiave che possono descrivere al meglio questo viaggio attraverso i problemi sociali dei nostri giorni.

Questo percorso vuole incoraggiare i ragazzi a far sentire la propria voce davanti ai problemi sociali e alle ingiustizie.

Inoltre, intendiamo promuovere l’atteggiamento positivo del cambiamento: l’essere umano ha in sé la potenzialità di cambiare se stesso e l’ambiente che lo circonda.

Ecco perchè questo sarà anche un percorso di trasformazione.

Le coreografie/storie che monterò insieme ai miei allievi, usando le tecniche e la didattica dell’Edance Method, vogliono scuotere gli animi, le emozioni, destare menti e accendere quella scintilla che è in ognuno di noi.  

I primi che saranno coinvolti in questa magica trasformazione saranno proprio i ragazzi che impareranno la collaborazione e il supporto reciproco invece della costante competizione.

Ognuno di loro avrà modo di esprimere la sua unicità. Impareranno ad includere e non ad escludere perchè l’amore è questo che fa: include, unisce.

I genitori avranno la possibilità di mettersi in gioco con i figli ritrovando la dimensione del gioco.

Avranno modo di parlare con i figli, usando un altro livello di comunicazione, quello della danza, del respiro, del movimento corporeo, del contatto visivo.

Ritroveranno la loro parte più pura e al tempo stesso potranno sostenere e supportare i figli in quella che è la loro passione.

Questo progetto vuole che la scintilla della trasformazione, possa accendersi in tutte le persone che avranno il piacere di assistere ai nostri spettacoli.

Seguendo il nostro blog e i nostri social sarete aggiornati su tutti gli eventi che si teranno. Saranno messe a disposizione tutte le informazioni sul flash mob con il video tutorial per imparare i passi.


0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *